Thursday, March 19, 2020

Egidio and the sandstorm: short-toed eagle project update

Egidio started his journey from Mali on the 19/2 and arrived in his breeding territory in Southern Italy on the 12/3. On the 23/2 he spent the whole day sitting on acacia trees in the Western Sahara, during a sandstorm: see the figure below. One of us (Ugo Mellone) was at 350 km experiencing the same conditions.




You can see the whole track on our Project page. We are hoping to get data from Michele in the next month, as soon as he will reach an area with mobile coverage: immatures start their spring migration much later than adults.

Saturday, January 11, 2020

Settimana della Migrazione

Osservatorio dello Stretto “Michele Panuccio”
Settimane della Migrazione
Organizzatori: Ornis Italica, Lipu e Medraptors
http://www.straitobservatory.com



The Observatory is dedicated to Michele Panuccio (30/08/1976 – 18/06/2019). Michele started attending the Strait in the year 1997 with the first volunteers to fight the poaching of Honey Buzzards. Since then he has pursued his passion for migration, in particular with reference to birds of prey, collaborating with many researchers, visiting the most important observatories in Europe and in the world, but never missing a migratory season from the Strait. The Strait Observatory owes Michele much of its origins.

L'Osservatorio è dedicato a Michele Panuccio (30/08/76 - 18/06/2019), dottore in ecologia ed ornitologo, che   ha iniziato a frequentare lo stretto da ragazzo,  nel  '97, con i primi volontari per combattere il bracconaggio di falchi pecchiaioli. Da allora ha continuato la sua passione per le migrazioni, in particolare con riferimento ai rapaci, collaborando con molti ricercatori, visitando i più importanti osservatori in Europa e nel mondo, senza mai perdere una stagione migratoria dallo Stretto. L'Osservatorio dello Stretto deve a Michele gran parte delle sue origini.

Luogo: Solano di Scilla - Gambarie d'Aspromonte
Periodo:   Sabato 25 Aprile – domenica 10 Maggio
Attività principali:
Durante la settimana conteggio rapaci con ornitologi esperti.
Mentre alcuni ornitologi raccolgono i dati,  altri  spieg
ano ai visitatori come vengono condotte le osservazioni, quali dati vengono raccolti e forniscono informazioni sulle specie in migrazione.
Prima di iniziare sul campo, nell’Osservatorio viene presentato brevemente il progetto (origine e finalità della stazione, i dati raccolti finora tramite osservazione diretta e radar, altre stazioni che fanno/hanno fatto monitoraggi simili – Falsterbo, Gibilterra, Batumi..) e viene spiegato come assegnare età e sesso ai rapaci in volo se i partecipanti lo richiedono.

(foto di Michele Panuccio)
I volontari rimangono per x giorni, va previsto con il residence Bucaneve un forfettario per vitto e alloggio.
Parallelamente al lavoro di campo: tutoraggio di fotografia naturalistica, attività di educazione ambientale con le scolaresche (scuola media) dei comuni vicini e di Reggio Calabria: la migrazione (gli uccelli non conoscono frontiere),  le zone umide,  la fauna aspromontana, il volo degli uccelli... 
Ciclo di brevi conferenze serali (40 min) su vari argomenti legati alla migrazione: migrazione diurna e rapaci, migrazione notturna e passeriformi, come funziona un radar ornitologico, il bracconaggio in Calabria, il Parco dell’Aspromonte.
 
Una conferenza più importante sul territorio: Aspromonte, il parco, importanza dello Stretto per le migrazioni, da organizzare per il pomeriggio (15:00 18:30) del Sabato 2 o domenica 3 maggio.